Home

Inpgi2:esenzione per i redditi fino a 3mila euro

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

 Importante decisione del comitato amministratore Inpgi 2, che ha deciso di esentare dai versamenti i colleghi con redditi fino a 3.000 euro e di restituire i contributi a 65 anni quando il montante accumulato non superi i 18 mila euro. Entrambe le decisioni per diventare operative devono avere il via libera ministeriale.

Il Comitato amministratore sottopone ai Ministeri vigilanti le due proposte approvate 
Inpgi 2: esenzione per i redditi  fino a 3.000 euro
e  restituzione dei contributi a 65 anni


Esenzione dall’obbligo di versare i contributi alla Gestione separata per i giornalisti liberi professionisti con o senza partita Iva che, nell’esercizio di attività giornalistica autonoma, percepiscano un reddito annuo  inferiore a  3.000 euro.
Ampliamento dei casi in cui è possibile, per tutti gli iscritti alla Gestione separata, la restituzione dei contributi una volta compiuti i 65 anni di età.
Queste le due proposte approvate oggi dal Comitato amministratore Inpgi2 ora al vaglio dei Ministeri vigilanti, del Lavoro e dell’Economia.
“Si tratta di un passaggio molto importante – afferma il Presidente dell’Inpgi Andrea Camporese – finalizzato a razionalizzare l’intero impianto previdenziale assicurando, da una parte l’armonizzazione con la Gestione separata Inps per i lavoratori autonomi, e dall’altra la più ampia tutela previdenziale al momento della cessazione dell’attività lavorativa. Tuttavia non vanno sottaciute alcune difficoltà legate all’impianto generale delle norme sul sistema pensionistico  del lavoro non dipendente. Confido, al riguardo, di poter individuare percorsi condivisi con i Ministeri vigilanti che portino all’approvazione delle delibere in questione nell’interesse prioritario degli iscritti e della sostenibilità dello stesso sistema”.
Nel dettaglio, l’esenzione interesserà soltanto i giornalisti liberi professionisti con o senza partita Iva e non i giornalisti Co.co.co.; in caso di superamento del tetto dei 3.000 euro annui, la contribuzione dovrà essere versata sull’intero reddito annuale percepito; l’attuale normativa prevede invece la contribuzione obbligatoria a prescindere dall’entità del reddito percepito.
La restituzione dei contributi, al 65° anno di età, ora possibile solo per coloro che non abbiano raggiunto i cinque anni minimi di versamenti richiesti per ottenere la pensione, verrà estesa  anche a chi  abbia versato più dei cinque anni minimi, ma il cui montante utilizzato per il calcolo della pensione risulti inferiore o uguale a circa 18.000 euro.


 

Copyright © 2017 SINDACATO GIORNALISTI del VENETO. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Copyright © 2010 - 2017  Sindacato Giornalisti del Veneto
S. Polo, Calle Pezzana 2162 VENEZIA 30125
email: info@sindacatogiornalistiveneto.it  

Notizie flash

Si comunica che gli Uffici del Sindacato, Casagit e Inpgi, apriranno solo nei pomeriggi di lunedì e giovedì dalle 14 alle 17,30, mantenendo invariati gli orari degli altri giorni, dalle 9 alle 13, con chiusura al sabato.

 

 

INFORMATIVA:Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati potrebbero avvalersi di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Scopri di più CLICCANDO QUI.