Home

Ordine dei Giornalisti, e squilibri nel mercato del lavoro

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

L’assemblea congressuale del Sindacato giornalisti del Veneto, riunita per l’elezione degli organi statutari, esprime solidarietà ai vice segretari della Fnsi Daniela Stigliano e Luigi Ronsisvalle, attaccati dal presidente dell’Ordine dei Giornalisti, Lorenzo Del Boca.

per avere posto l’accento sugli squilibri del mercato del lavoro  in un incontro con i colleghi freelance e precari dell’Assostampa della Sicilia. Un mercato caratterizzato da un’offerta in eccesso e da una domanda in caduta libera per quanto riguarda le assunzioni a tempo indeterminato e il livello dei compensi per i giornalisti parasubordinati. La legittima preoccupazione espressa dai vertici sindacali sulla base della mera analisi dei dati è stata utilizzata dal presidente dell’Ordine quale pretesto per portare l’ennesimo affondo contro il Sindacato, i Cdr e il Contratto nazionale approvato dalla consultazione referendaria.Oltre mille giornalisti, provenienti da molteplici canali di accesso, superano l’esame professionale ogni anno. La capacità di assorbimento occupazionale è inferiore alla metà. Nel 2009 ci sono stati 700 prepensionamenti.  Migliaia di disoccupati e freelance sottopagati impongono di agire subito per difendere posti di lavoro, professione e qualità dell’informazione. La riforma dell’Ordine, non più procrastinabile, deve regolamentare l’accesso alla professione, mentre Sindacato e Ordine devono garantire un futuro alla categoria tutta.  Il Sindacato dei giornalisti, in accordo con l’Inpgi, ha esteso l’area della protezione previdenziale e sociale anche a chi non ha il posto fisso. E si propone di dare a breve una rappresentanza forte ai giornalisti del lavoro autonomo. Invece, la scelta del presidente dell’Ordine punta a dividere: è una scelta pericolosa che va contrastata e che contrasteremo.

 L'Assemblea chiede ai rappresentanti dell’Ordine nazionale e regionale di farsi promotori delle istanze di cambiamento auspicate e condivise nella delibera di riforma approvata nel 2008:

-         accesso unico universitario alla professione, riduzione del numero delle scuole, riformulazione dell'istituto dello stage (spesso utilizzato per avere "manodopera" gratuita), istituzione di borse di studio, innalzamento qualitativo dell'offerta formativa generale e selezione più rigorosa dei commissari;

-         revisione degli iscritti all'Albo: l'esplosione delle iscrizioni dei pubblicisti non corrisponde al numero degli iscritti all'Inpgi2 che certifica l'effettivo svolgimento del mestiere;

-         maggiore vigilanza sul rispetto delle norme deontologiche, anche per ritrovare più credibilità agli occhi dell'opinione pubblica.

Padova, 31 gennaio 2010

Copyright © 2017 SINDACATO GIORNALISTI del VENETO. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Copyright © 2010 - 2017  Sindacato Giornalisti del Veneto
S. Polo, Calle Pezzana 2162 VENEZIA 30125
email: info@sindacatogiornalistiveneto.it  

Notizie flash

Si comunica che gli Uffici del Sindacato, Casagit e Inpgi, apriranno solo nei pomeriggi di lunedì e giovedì dalle 14 alle 17,30, mantenendo invariati gli orari degli altri giorni, dalle 9 alle 13, con chiusura al sabato.

 

 

INFORMATIVA:Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati potrebbero avvalersi di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Scopri di più CLICCANDO QUI.