Home

Riforma editoria, ok in Cdm al decreto sugli ammortizzatori sociali. Lorusso: «Le criticità del settore restano». In piazza a Roma il 24 maggio.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Disco verde al terzo decreto della legge 198/2016. Innalzati i requisiti per l’accesso dei giornalisti alla pensione anticipata e rivisti i criteri per il riconoscimento alle imprese degli stati di crisi.

«Una risposta non esaustiva alle criticità del comparto. Il rilancio resta lontano», commenta il segretario Fnsi. Il 24 maggio il sindacato in piazza contro querele temerarie e precariato.

Via libera definitivo dal Consiglio dei ministri al decreto attuativo della riforma dell'editoria relativo all'incremento dei requisiti e alla ridefinizione dei criteri per l'accesso dei giornalisti al prepensionamento e per il riconoscimento alle imprese editrici degli stati di crisi.

La nuova disciplina estende alle imprese editrici il regime vigente per la generalità delle imprese del comparto industriale in tema di accesso alle misure di integrazione salariale straordinaria, uniformando i requisiti di accesso, così come le causali per le quali le imprese possono chiedere i trattamenti di integrazione salariale, ovvero la riorganizzazione aziendale in presenza di crisi, la crisi aziendale (compresi i casi di cessazione dell’attività produttiva dell’azienda o di un ramo di essa anche in costanza di fallimento) e il contratto di solidarietà.

Si introduce inoltre, a carico delle imprese editoriali che accedono alla cassa integrazione, un contributo crescente in relazione alla durata del beneficio e viene fissata la durata massima dei trattamenti (24 mesi, anche continuativi, in un quinquennio mobile) in conformità a quanto prescritto per le imprese degli altri comparti.

Per quanto riguarda, invece, i nuovi requisiti di accesso ai trattamenti anticipati di vecchiaia per i giornalisti, si stabilisce che il requisito di anzianità contributiva sia pari a 25 anni, in luogo degli attuali 18. Inoltre, si prevede l’applicazione del meccanismo di adeguamento del requisito all’aspettativa di vita, secondo i criteri generali oggi vigenti nell’ordinamento pensionistico.

Il trattamento in questione, infine, può essere fruito con un anticipo massimo di cinque anni rispetto all’età anagrafica stabilita per il diritto alla pensione di vecchiaia nel regime previdenziale dell’Inpgi. Confermati il divieto per i giornalisti prepensionati di mantenere rapporti di collaborazione e l’obbligo per gli editori di effettuare nuove assunzioni, nel rapporto di un nuovo assunto ogni tre prepensionamenti.

In conformità alle osservazioni delle Commissioni parlamentari, si prevede che, per gli anni 2017 e 2018, ai giornalisti interessati dai piani non recepiti dal ministero del Lavoro alla data di entrata in vigore del decreto legislativo, si applichino, ai fini del prepensionamento, i requisiti anagrafici di 58 anni per le donne e 60 anni per gli uomini, fermo restando il requisito dei 25 anni di anzianità contributiva.

«Si tratta di una risposta parziale e non esaustiva alle criticità del comparto. Se l'obiettivo della legge di riforma dell'editoria era il riordino e il rilancio del settore, non può dirsi ancora raggiunto», è il commento del segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso.

«Nonostante gli impegni – prosegue – è rimasto fuori il tema dell'occupazione e della lotta al precariato, sul quale non si intravede all'orizzonte alcuna inversione di tendenza. È auspicabile che la volontà di avviare un tavolo di confronto su questo specifico argomento, manifestata più volte dal ministro con delega all'editoria, Luca Lotti, si trasformi al più presto in segnali tangibili. È sicuramente necessario chiudere gli stati di crisi e i piani di ristrutturazione avviati negli anni passati, ma non si può pensare, come i decreti attuativi finora approvati autorizzano a fare, che il futuro del settore siano il ricorso massiccio agli ammortizzatori sociali e il lavoro senza diritti, senza tutele e senza garanzie».

Per tenere alta l'attenzione sulla necessità di mettere in campo misure per contrastare le crescenti diseguaglianze e il precariato dilagante nel mondo del lavoro giornalistico «la Federazione nazionale della stampa italiana – conclude Lorusso – conferma l'iniziativa pubblica di mobilitazione indetta per mercoledì 24 maggio, in concomitanza con la riunione del consiglio nazionale. Sarà l'occasione per richiamare l'attenzione del governo anche sul fenomeno delle querele temerarie, sul quale, nonostante gli impegni, non si registrano atti concreti».

PER APPROFONDIRE

Di seguito la relazione tecnica e il testo del decreto legislativo approvato (in neretto le modifiche introdotte rispetto alla prima stesura).

 

Copyright © 2017 SINDACATO GIORNALISTI del VENETO. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Copyright © 2010 - 2017  Sindacato Giornalisti del Veneto
S. Polo, Calle Pezzana 2162 VENEZIA 30125
email: info@sindacatogiornalistiveneto.it  

Notizie flash

Si comunica che gli Uffici del Sindacato, Casagit e Inpgi, apriranno solo nei pomeriggi di lunedì e giovedì dalle 14 alle 17,30, mantenendo invariati gli orari degli altri giorni, dalle 9 alle 13, con chiusura al sabato.

 

 

INFORMATIVA:Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati potrebbero avvalersi di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Scopri di più CLICCANDO QUI.